page loader

Ansia e Stress nei Gatti, il CBD può essere utile?

“Le patologie maggiormente trattate sono artrosi, epilessia e ansia"

Agosto 03, 2018
| | |
150 Likes
| Condivisioni:
Image Carousel

 

 

Il Gatto è un animale affascinante, nell’antico Egitto era venerato ed oggi rientra tra gli animali domestici più amati in assoluto.
 
Avere un gatto in casa significa apprezzare la straordinaria energia che questo felino è in grado di trasmettere tuttavia se non curati correttamente anche loro, come gli essere umani, possono attraversare momenti di stress più o meno accentuata.

 

Come si riconosce un gatto stressato?


Sono diversi gli elementi che indicano lo stato di stress, i più comuni sono:
 
Il Gatto si lecca in maniera eccessiva a cui si accompagna una perdita di pelo.
 
Il Gatto assume un atteggiamento aggressivo.
 
Il Gatto miagola in maniera eccessiva
 
Il Gatto urina o defeca fuori dalla propria lettiera.
 
Il Gatto subisce un’alterazione dell’appetito.
 
Il Gatto cambia le proprie abitudini quotidiane.
 
 
Questi sono i sintomi più comuni, tuttavia potrebbero esserci altri elementi, che non abbiamo citato, dai quali riconoscere lo stato di stress del nostro amico peloso.


 

CBD e Animali domestici


L’Olio di CBD nel corpo degli animali agisce allo stesso modo che nel corpo umano, il primo a sdoganare la Cannabis per curare i Cani è stato il dottor Douglas Kramer il quale andando contro l’establishment delle sanità cominciò a curare il suo Husky con la Cannabis.

Su quali patologie il CBD si mostra maggiormente efficace?

E’ una domanda questa che abbiamo posto alla Dottoressa Veterinaria Elena Battaglia, ,la quale si occupa della cura di varie patologie attraverso l’utilizzo del CBD e della Cannabis Terapeutica.

“Le patologie maggiormente trattate – afferma -  sono l’artrosi, l’epilessia e l’ansia anche se in ogni situazione in cui ci sia bisogno di un antinfiammatorio e antidolorifico va bene utilizzarlo”.

Spesso si parla di modalità di somministrazione e dosaggio, restando al primo aspetto della domanda, possiamo affermare che sia più efficace dare CBD attraverso capsule o Olio?

La differenza sta nel poterlo dosare. L’Olio è più facile da dosare, la Capsula ha una concentrazione fissa.

Circa il dosaggio?

Esiste una dose standard di partenza in base al peso che poi va gestita in base alla patologia e al paziente.

Ci sono controindicazioni e/o possibili effetti collaterali?

Dalla letteratura e dall’esperienza posso dire di non aver visto alcun effetto collaterale se non rarissimamente come una leggerissima sedazione.
 
Dunque se il vostro gatto dovesse mostrare sintomi legati allo Stress potete prendere in considerazione l’idea di aiutarlo con il CBD! Volete saperne di più sull’argomento?

Non esitate a contattarci, scrivendo una mail a wecare@enecta.it e il Team Enecta sarà a vostra disposizione per rispondere alle vostre domande.

 

 

Se hai trovato interessante questo articolo metti Mi piace alla Pagina Facebook Enecta e sarai sempre aggiornato sulle notizie e le novità che riguardano il mondo della Cannabis e del CBD!

 

 

 

Tag:
Lascia un commento

I vostri commenti saranno moderati prima di essere pubblicati