È il tuo primo acquisto su Enecta.it?

Usa il codice CBD15 per ottenere il 15% di sconto. Hai fino a 30 giorni per restituire gratuitamente il prodotto, in caso non fossi soddisfatto del tuo acquisto.

Il CBD, un alleato naturale per curare Ansia e Stress.

Paura ed ansia sono delle risposte adattive del nostro organismo a potenziali minacce, messe in atto per la nostra sopravvivenza.
Spesso però queste risposte diventano eccessive e non più collegate a minacce reali, provocando sintomi fisici a volte particolarmente invalidanti tra i quali tensione tremore sudore palpitazione aumento del battito cardiaco vertigini nausea.

Si stima che ben 2,2 milioni di persone in Italia hanno sofferto nel 2015 di ansia cronica grave.

Per risolvere il problema si fa normalmente riferimento ai farmaci classici, che rientrano nella categoria degli:

  • Ansiolitici
  • Benzodiazepine
  • Antidepressivi

Questi farmaci per l’ansia però, portano con sé effetti collaterali, che specie nel lungo periodo, possono recare notevoli disturbi.

Per fortuna, ci sono altri rimedi naturali ed efficaci per affrontare il problema. Tra questi, il CBD, un componente naturale della Cannabis, che agisce sul sistema nervoso periferico, in modo efficace e senza effetti psicotropi.

Il CBD può, secondo diversi studi scientifici condotti, essere un validissimo aiuto nei seguenti casi:

  • Attacchi di panico
  • Stati d’ansia
  • Disturbo ossessivo-compulsivo
  • Ansia sociale
  • Disturbo post traumatico da stress
  • Ansia generalizzata
  • Tensione muscolare
  • Battito cardiaco accelerato


CBD e ansia, cosa dice la scienza


Nel 2015 è stata pubblicata
sulla rivista Neuroterapeuthics la revisione degli studi condotti fino a quel momento volti a verificare gli effetti del CBD nel trattare gli stati d’ansia. I risultati confermano l’ipotesi iniziale e cioè che il CBD possa essere efficace nel ridurre gli stati d’ansia.

La revisione ha preso in esame 49 studi preclinici, clinici ed epidemiologici e ha incluso anche le ricerche fatte con tecniche di neuroimmagine (le tecnologie che permettono di studiare il metabolismo cerebrale).

Dalla revisione, curata da Esther M. Blessing, Maria M. Steenkamp, Jorge Manzanares e Charles R. Marmar della New York School of Medicine, è emerso che gli studi preclinici hanno dimostrato l’efficacia del CBD nel ridurre l’ansia provocata da molti disturbi come, ad esempio, il disturbo da stress post-traumatico, quello d’ansia generalizzata, quello ossessivo-compulsivo e molti altri.

È del 2018, invece, lo studio degli scienziati dell’Università di Washington, pubblicato sul Journal of Affective Disorders, che ha preso in considerazione un campione di persone decisamente consistente – più di 1.400 volontari e volontarie – per indagare l’efficacia dei prodotti a base di cannabis nei confronti di ansia e stress.

I ricercatori si sono avvalsi di un’applicazione (Strainprint), con cui i partecipanti indicavano i propri dati (raccolti anonimamente), la quantità e il tipo di cannabis usata e, infine, gli effetti riscontrati.

Dalle 12.000 risposte pervenute agli autori dello studio, è risultato che più della metà (il 58%) percepiva una netta riduzione dell’ansia. In particolare, la cannabis con alto contenuto di CBD e basso di THC è stata indicata come la più efficace per trattare ansia e depressione.

 


Hai ancora dubbi?
Ecco le risposte alle domande più frequenti dei nostri clienti

Quanto CBD dovrei assumere per curare l'ansia ?


Ciascun individuo puó rispondere diversamente all’assunzione di quantitativi differenti di CBD in relazione a diversi parametri quali:
- Peso corporeo
- Etá
- Motivo per il quale assume il CBD
- Coesistenza di piú problematiche di salute
- Contemporanea assunzione di farmaci
Ad oggi la maggior parte degli studi scientifici sono stati condotti utilizzando un dosaggio variabile dai 50mg/die agli 800 mg/die. Il nostro consiglio è sempre quello di consultare il parere di un medico.

Ci sono effetti collaterali?


La canapa è generalmente considerata sicura per esseri umani e animali. Ad oggi infatti, non risultano studi scientifici che riportano effetti negativi relativi all'assunzione di CBD. Tuttavia, in alcuni casi sono stati rilevati effetti collaterali determinati però dall'assunzione contemporanea con farmaci. Per questo motivo consigliamo, specialmente se si sta assumendo qualche tipo di farmaco, di chiedere suggerimenti al proprio medico curante.

Il CBD puó creare dipendenza?


Ad oggi in letteratura non sono stati dimostrati problemi di abuso o dipendenza fisica sia in campo animale che umano relativi all'assunzione di CBD.

Il CBD ha effetto psicoattivo?


Il CBD, a differenza del THC, non ha attività psicotropa; al contrario numerosi sono gli studi che evidenziano come possa contrastare o ridurre gli effetti negativi del THC. La ricerca suggerisce che piú che definire il Cannabidiolo sostanza non psicoattiva bisognerebbe definirla non inebriante, questo perché malgrado abbia notevoli effetti sul cervello, sembrerebbe essere privo di quelle caratteristiche che potrebbero trasformarlo in una sostanza in grado di dare fenomeni di abuso o dipendenza.


Hai ancora dubbi?
Ecco le risposte alle domande più frequenti dei nostri clienti

Quanto CBD dovrei assumere per curare l'ansia ?


Ciascun individuo puó rispondere diversamente all’assunzione di quantitativi differenti di CBD in relazione a diversi parametri quali:
- Peso corporeo
- Etá
- Motivo per il quale assume il CBD
- Coesistenza di piú problematiche di salute
- Contemporanea assunzione di farmaci
Ad oggi la maggior parte degli studi scientifici sono stati condotti utilizzando un dosaggio variabile dai 50mg/die agli 800 mg/die. Il nostro consiglio è sempre quello di consultare il parere di un medico.

Ci sono effetti collaterali?


La canapa è generalmente considerata sicura per esseri umani e animali. Ad oggi infatti, non risultano studi scientifici che riportano effetti negativi relativi all'assunzione di CBD. Tuttavia, in alcuni casi sono stati rilevati effetti collaterali determinati però dall'assunzione contemporanea con farmaci. Per questo motivo consigliamo, specialmente se si sta assumendo qualche tipo di farmaco, di chiedere suggerimenti al proprio medico curante.

Il CBD puó creare dipendenza?


Ad oggi in letteratura non sono stati dimostrati problemi di abuso o dipendenza fisica sia in campo animale che umano relativi all'assunzione di CBD.

Quanto CBD dovrei assumere?


Ciascun individuo puó rispondere diversamente all’assunzione di quantitativi differenti di CBD in relazione a diversi parametri quali:
- Peso corporeo
- Etá
- Motivo per il quale assume il CBD
- Coesistenza di piú problematiche di salute
- Contemporanea assunzione di farmaci
Ad oggi la maggior parte degli studi scientifici sono stati condotti utilizzando un dosaggio variabile dai 50mg/die agli 800 mg/die. Il nostro consiglio è sempre quello di consultare il parere di un medico.


Scarica GRATIS la guida in PDF per acquistare CBD in sicurezza

Hai sentito parlare del CBD, ma vorresti avere maggiori informazioni per effettuare un acquisto in tutta sicurezza? Sei nel posto giusto. La guida che abbiamo realizzato affronta gli argomenti più utili per chi come te è ancora indeciso se fare il primo passo o meno.

Cosa troverai nel pdf:

  • Che cos'è il CBD
  • Benefici del CBD
  • Come si produce CBD
  • Modalità di consumo
  • CBD: effetti collaterali e possibili interazioni
  • Come si conserva il prodotto
  • Come riconoscere un prodotto di qualità
  • I prodotti Enecta
  • Come effettuare acquisti dal sito ed usare i codici sconto
  • Costi e tempi di spedizione

Compila il modulo a lato e scarica subito la guida!